Dati ultra positivi annunciati nell’ultima importante fiera aretina del settore orafo

C’è da fare festa secondo gli analisti di oroarezzo , i dati positivi  confemano la ripresa del comparto orafo.

positivi-dati fiera oroarezzo 2018
Dati-oroarezzo-2018

Si e appena conclusa la manifestazione aretina  rappresentativa del suo distretto produttivo più conosciuto nel mondo.

Oroarezzo,  la fiera orafa che ogni anno espone le tendenze del settore orafo,  e le proposte degli operatori aretini al mercato.

Possono sembrare dati di poco conto quelli mostrati in figura,  ma se  mettiamo in conto che il settore soffre una crisi ormai  decennale, vanno valutati con attenzione.

In particolare in questi ultimi due anni ci sono segnali molto positivi, sintomo di una  vitalità propositiva del settore, [ approfittiamone……]

Ma vediamo di elencare qualche dato, divulgato dall’organizzazione della fiera.

Un aumento  della presenza di operatori esteri (+5%) che sono ora il 48% delle 15.000 presenze  (compresi  450  buyer internazionali venuti da 60 paesi).

Per questo risultato il contributo della Agenzia per la promozione all’estero (ICE )  e Ministero dello Sviluppo Economico  è  stato molto importante.

Gli espositori (600) brand  provenienti da tutta la penisola erano divisi in percentuali :

  • Il 75%  aziende orafe
  • Il 13% aziende di macchinari
  • Il 12% di cash & carry  ( acquisto sul pronto)

Confermato l’effettivo trend in crescita.

Come dicevo il 2018 conferma la tendenza di crescita iniziata l’anno scorso, i dati (su base statistiche istat) pubblicati a gennaio da Italian Exhibition Group     tramite il ( Dipartimento di Business Strategy   sul settore orafo-gioielliero).

Con una ulteriore conferma ad aprile , export  sul complesso (gioielleria e bigiotteria  del  12% ) e per la sola componente in metalli preziosi                    cresce  del  12,7% che equivale ad una quantità del  6%.

positivi-scarica-ebook

 

———————————————————————————————-

Bene mi dirai: ma questi dati macro poco mi interessano, ho ben altri problemi!

———————————————————————————————–

Sono d’accordo che che per chi ha il proprio laboratorio e per passione e per hobby crea gioielli  (anche se non in metalli preziosi)  tanti numeri non vengono nemmeno considerati.

Ma  lavora in prospettiva,  oggi  svolgere questo lavoro non c’è  bisogno di farlo come se fossimo un’associazione clandestina o dei nuovi adepti  di  un gruppo  di carbonari.

Nuove possibilità che una volta non esistevano

Ecco il punto a cui volevo arrivare,  quando io ho cominciato questa arte  tante possibilità che oggi diamo per scontate erano impensabili.

Solo  12 e/o 10 anni fa, c’è da rabbrividire (in senso positivo) pensandoci.

Il fatto è proprio nella bella occasione che una qualsiasi persona  oggi, può cogliere se vuole intraprendere una qualsiasi attività.

Con internet ci si può collegare con il mondo,  in un modo semplicissimo, si conoscono cose  da paesi lontanissimi, si può interagire con persone che abbiano un semplice smartphon .

Con questi mezzi possiamo  essendo a casa imparare  tramite corsi acquisire  competenze  che non possediamo .

Anche  tante informazioni “specialistiche”,  possiamo dire  sono in tempo reale.

Notizie  che un tempo solo su riviste specializzate o tra addetti del  settore  potevano essere  reperite.

Questi sono tutti segni positivi che la rete (o web se preferisci) ci  sta regalando, e non è un modo di dire  perché molte informazioni sono gratuite.

I tutorial che trovi in questo sito sono a disposizione ogni volta che vuoi consultarli.

—————————————————————————————

Ok Paolo ora che  hai fatto queste considerazioni che cosa cambia per me?

Voglio “nel mio piccolo laboratorio “creare qualche oggetto per amici o da vendere tramite il passaparola.

——————————————————————————————

Se finora i dati e le considerazioni ti hanno confuso, torniamo  a quello che è il messaggio intrinseco di questo articolo.

Oggi ti puoi formare tramite i nuovi media senza troppi spostamenti e costi!

Naturalmente  scegliere i giusti esempi da seguire potrebbe crearti dei dubbi su quello che ti sto scrivendo e proponendo, è del tutto comprensibile.

Un aiuto può dartelo la mia guida gratuita (vedi link nella pagina e in alto a destra ) in cui descrivo un sistema per permetterti un banco da orafo, disponendo di un semplicissimo tavolo,  ed altro.

Se avrai modo di consultare il facile ebook vedrai che gli argomenti e le idee suggerite,  sono scritte  per essere immediatamente realizzabili.

Niente testo più di quello che  serve, solo l’indispensabile.

Un altro elemento oltre alla sintesi e applicabilità delle soluzioni, sono i vari passaggi tecnici,  come vanno eseguiti e perché .

La teoria va usata solo come spunto per trattare la parte pratica in modo  dettagliato  e profittevole.

Per chi non sa come si svolge questo lavoro la realizzazione di gioielli e/o oreficerie  potrebbero  sembrare pratiche elaboratissime e misteriose,ma fortunatamente non è così.

Con le dovute indicazioni (come sostengo continuamente in questo blog) la nascita dei tuoi monili è molto più semplice di quanto tu possa credere.

Con gli imput positivi che ti arriveranno da me e dalle tue richieste su problematiche che non ti sono chiare, ti porteranno  ad  acquisire una dimestichezza che non credevi di avere .

Ricorda che potrai sempre  inviarmi qualsiasi richiesta per fugare i tuoi dubbi.

Non verrete lasciati mai soli! Davvero!

Questa volta ho esordito con questa frase un po forte ma è proprio quello che avrete sempre nel mio blog consigli  per tutti e tutorial di qualità.

positivi-scarica-ebook

 

Questa tendenza di segnali  positivi  non bisogna lasciarsela sfuggire perché come sappiamo (bisogna battere il ferro quando è caldo ,”scusa ma non resistevo, volevo dire oro”) .

Perdonami questa piccola digressione ma ti assicuro che  bisogna che TU ti azioni per approfondire nel miglior modo la tecnica indispensabile per realizzare  gioielli.

Sotto un video di quello che puoi fare:

lo so è un tipo di anello molto classico ma lo puoi  prendere ad esempio per ulteriori modifiche e trasformazioni che non assomiglieranno nemmeno lontanamente  all’originale.

Per farti riflettere e convincerti che devi trovare ispirazione di modelli del passato ti cito un aforisma di  una artista che la sapeva lunga:


Ella Fitzgerald

Non è da dove vieni bensì è dove stai andando ciò che conta.


Spero che dopo questo contributo illustre ti convinca a seguire le tue passioni e talenti qui “ripeto” non sarai mai solo/a .

P.S. Torna a visitare il sito come sai è in work in progress , troverai sempre nuovi stimoli, ma cosa ancora più importante sentiti libero/a di farmi qualsiasi domanda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.