Ecco la verità sulla fusione che nessuno ti dirà mai !

Fusione-con cannello
Fusione -con -cannello-su crogiolo

Conosci (L’osso di seppia) questo tipo di fusione ?  Rimarrai stupito dalla sua versatilità e semplicità.

Si ti prometto che parleremo di una tecnica che forse non conoscerai molto, ma che è stato uno  dei primi procedimenti di fusione per metalli preziosi.

Tecnica semplice di fusione?

Che vuol dire versatile una tecnica di fusione?

Ma sai gli ossi di seppia li uso per i canarini che si rifanno il becco ?

Ma non saprei dirti, ho sentito della microfusione ma altre tecniche non ne conosco?

Poi come posso fare una fusione ?  Si parla di far fondere del metallo ?

Sicuramente è una tecnica che non è usata su quantità medie o piccole serie  di gioielli, però se si deve fare qualche fusione ogni tanto è un ottimo sistema.

fusione-scarica-gratis-ebook

 

 

 

 

Non ti serve molto! Davvero devi trovare degli ossi di seppia il più grandi possibile, perché ? … Mi dirai

Quando trovi degli ossi di seppia belli grandi  ne potrai utilizzare per più usi, oltre a delle caratteristiche tecniche che uno spessore maggiore garantisce.

Ti faro un elenco dopo (quando ti spiegherò i passi necessari della tecnica).

Ti stai chiedendo o sei perplesso ?  Perché se questa tecnica è così  semplice non viene usata da tutti?

Al riguardo ci sono una serie di motivazioni con dei pro e dei contro.

Cominciamo con i vantaggi

  • Tecnica semplice
  • Di facile esecuzione
  • Non necessita di strumenti specialistici (come altre)
  • Il costo dei materiali è ridotto al minimo

Adesso gli svantaggi

  • Forme se  possibile senza sotto-squadri  più regolari possibile
  •  Per oggetti complessi bisogna fare  più modelli
  • La quantità di metallo deve essere utilizzata con oculatezza
  • Richiede una buona dose di lavoro per la buona riuscita dell’oggetto.

Ora che  ti ho snocciolato tutte queste caratteristiche e  proprietà di questo procedimento tecnico mi sembri più perplesso di prima .

Questo procedimento non è usato normalmente come fusione standard per il fatto che rispetto ad altri sistemi è più lento.

Questo per te che vuoi impadronirti della tecnica orafa è un grande vantaggio l’unico modo per acquisire dimestichezza con le procedure operative, fare piccolo passi ma agili e profittevoli.

Non so se conosci il detto “Un grande viaggio, comincia sempre da un primo passo”

Come più volte ho scritto nei miei post,  bisogna cimentarsi in  attività che magari ha prima vista sembrerebbero difficili, ma che poi (una volta affrontate) si rivelano alla nostra portata.

Penso che ora ti sarai incuriosito e allora iniziamo con un po di pratica.

#  1 Fusione all’osso di seppia

Una caratteristica particolare di questo tipo di tecnica è dovuta al mezzo in cui viene colato il metallo fuso( cioè l’osso) essendo la struttura formata da striature  caratteristiche proprie,dovute all’età dell’animale.

Questa particolarità si riflette sul design dell’oggetto da produrre creando una superficie con effetti plastici molto interessanti.

Per prepararsi il modello da riprodurre bisogna livellare la superficie dell’osso  per creare l’impronta dell’oggetto

fusione-spianatura-osso-seppia
Livellamento-superficie-osso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Quando la parti sono  pronte si  inserisce  il modello da riprodurre avendo l’accortezza di mettere dei segni per avere un riferimento quando togliamo il modello.

Fusione-impronta-modello
Impronta-modello-con -riferimenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dovresti avere una situazione di questo genere per un buon inizio

 

Fusione-riferimenti
Riferimenti per fusione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un altro particolare da non trascurare è quello di  creare de canali di sfiato per far uscire i gas caldi quando verseremo il metallo fuso.

fusione-canali scarico
Canali di fuoruscita gas fusione

 

Adesso che i gusci sono pronti si possono chiudere e serrare con del filo metallico.

In figura si vedono delle scanalature per il canale di colata.

Possiamo cominciare con la fusione del metallo da usare quando sarà ben liquido e purificato dall’ossido con qualche spolverata di borace (Acido borico) lo verseremo nello stampo.

fusione-metallo fuso
Metallo fuso-nello-stampo

 

Con questa operazione termina la prima parte del lavoro.

 

# 2 Fase di  apertura gusci e rifinitura

 

Siamo impazienti di vedere come è venuta questa fusione!

Togliamo il filo e apriamo i gusci il risultato se è andato tutto bene dovrebbe essere questo.

fusione-gusci-aperti
come si presenta la fusione

 

Qui nell’immagine  un esempio di anello tipo fede in argento con le tipiche venature dell’osso di seppia .

La foto mostra già il pezzo pulito e sbiancato con l’acido ma non lucido.

fusione- fedi argento
Fede in argento ossoseppia

 

fusione-panoramica-seppia
Immagine-riassuntiva-seppia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non male come effetto vero,  per una tecnica così semplice .

Direi che potresti metterti subito al lavoro per provare le possibilità di questo tipo di fusione, sperimentare, inventare delle forme particolari e creative, in fondo il miglior utilizzo delle tecniche semplici è proprio questo.

Ti permettono un ampia libertà quando le padroneggiamo.

Potresti ancora essere scettico rispetto ha quello che ti dico ma ti voglio mostrare qualcos’altro .

fusione-bracciale-oro
bracciale-oro

 

Cosa ne pensi, questo manufatto merita la tua attenzione? Credo proprio di si…come vedi non dipende molto dagli strumenti di cui si dispone  ma come vengono usati.

Esempio io con martello e scalpello riesco a fare le traccie nel muro per mettere i fili elettrici nel corrugato di plastica .

Qualcun’altro  ci ha tirato fuori la pietà! (non hai mai sentito parlare di Michelangiolo Buonarroti).

A parte le battute.

Le tecniche sono molte ma non sono impossibili da acquisire, su questo sito si parla proprio di questo (il modo migliore per capire cosa fare).

fusione-scarica-gratis-ebook

 

 

 

 

Con i tutorial che ti propongo,  e le strategie per risparmiare tempo,le dritte e i trucchi sarai immediatamente operativo.

Per pareri e consigli o qualche tutorial a richiesta  scrivi sul blog.

Al prossimo articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.